Le caratteristiche delle casse acustiche hi fi 

Le casse acustiche hi fi trasformano il segnale elettrico che arriva dall’amplificatore in segnale udibile dal nostro apparato uditivo. In base a come convertono questo segnale questi apparecchi si dividono in diverse categorie. La buona qualità delle casse acustiche dipende molto dal materiale in cui sono costruite e dal tipo di altoparlanti usati per convertire il segnale elettrico. La scelta dell’impianto di diffusione hi fi, quindi, non è una scelta semplice. 

 

Quali sono le caratteristiche delle casse acustiche hi fi 

Le casse acustiche hi fi si presentano sotto forma di scatola, solitamente di legno, che contiene uno o più altoparlanti detti coni, all’esterno del cono vi è una sospensione che lo unisce al supporto detto cestello, il bordo interno invece è congiunto alla bobina che è unita ad un magnete permanente. Sul mercato è possibile distinguere diverse tipologie: 

  • Altoparlanti in grado di gestire le frequenze alte. 
  • Mid-range. Altoparlanti in grado di gestire le frequenze medie. 
  • Altoparlanti in grado di gestire le frequenze basse. 

 Come valutare le casse acustiche hi fi

Per valutare le casse acustiche hi fi è importante conoscere quelle che sono le loro caratteristiche fondamentali in termini di prestazioni e funzionalità offerte. Alcuni di questi aspetti in genere sono riportati sulla scheda descrittiva dello stesso costruttore, mentre altri evidentemente sono valutabili soltanto facendo suonare le casse. Esistono modelli da pavimento, di solito più alti e ingombranti, e modelli compatti che sono adatti ad essere posti sugli scaffali.

E’ importante valutare la grandezza della stanza e la posizione in cui intendiamo metterli, infatti ricordiamoci che il suono si propaga anche a seconda degli ostacoli che incontra, in questo senso dobbiamo immaginare uno spazio privo di impedimenti tra le casse e il punto d’ascolto. Bisogna ricordarsi che il suono è un dato soggettivo, quindi l’importante è trovare qualcosa che piaccia al proprio orecchio e questo non significa per forza spendere molto.